Domani Lotito in procura a Napoli con un dossier

Presenterà l’elenco dei presunti torti arbitrali subiti. Il Csm verso il no a nuovi incarichi sportivi ai magistrati: prevista oggi la votazione

da Napoli

Gian Maria Gentile, presidente del Consiglio di sorveglianza della Lazio, è fiducioso per l'audizione del presidente Claudio Lotito in Procura a Napoli: «Mi aspetto chiarezza». Domani il patron della Lazio sarà ascoltato dai pubblici ministeri Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci, che indagano sul «sistema Moggi». L'avvocato Gentile è apparso sereno: «Mi aspetto chiarezza, intendiamo dimostrare che il comportamento del presidente è sempre stato lineare e mirato a non subire più i torti che la Lazio aveva patito in precedenza». Lotito dovrebbe presentare ai sostituti procuratori un dossier con l'elenco dei presunti torti arbitrali subiti e anche le proteste avanzate tramite la Federcalcio, nella passata stagione.
Intanto è stato accolto il ricorso della Lazio, quindi, la società biancoceleste ha la licenza Uefa. Ieri mattina, infatti, la commissione di secondo grado dell'Uefa presso la Federcalcio ha esaminato il ricorso avanzato dal club biancoceleste e, dopo attenta visione, ha dato l'ok per far disputare alla società di Claudio Lotito la competizione europea. I problemi erano sorti a causa di un contenzioso finanziario con l'ex segretario generale Giovanni Gardini ora direttore generale del Treviso. Quest'ultimo chiedeva stipendi arretrati per una cifra che si aggira intorno ai 150mila euro. La Lazio ha saldato tale pendenza, anche se la causa con Gardini andrà avanti a tutti gli effetti.
Il Csm, intanto, sull’onda dello scandalo del calcio si appresta a vietare per il futuro gli incarichi sportivi ai magistrati. La votazione è stata rinviata ad oggi.Una decisione che potrebbe avere come prima «vittima» Settembrino Nebbioso, ex capo di gabinetto del ministero della Giustizia, candidato a ricoprire l'incarico di vicecommissario di Guido Rossi alla Figc.
Un incarico che esula da quelli di giustizia sportiva, ma che proprio per la sua natura di consulenza potrebbe non essere accolta. Non si è detta una parola neppure sulla delicata posizione del giudice di Massa Carrara Cosimo Ferri, componente della Commissione vertenze della Figc, e del suo presunto rapporto privilegiato con Claudio Lotito.