Domani «salpa» Novecento

Il celebre testo di Baricco nell’allestimento della Santoro

Debutta domani sera (ore 21) all’auditorium Toscanelli di Ostia lo spettacolo Novecento di Alessandro Baricco. Sul palcoscenico Francesco Bolchini diretto da Alessandra Santoro.
Novecento è la leggenda del pianista sull’oceano, è la storia di un’amicizia, la storia di un uomo che per tutta la vita è stato cullato dalle onde dell’oceano e dalle note del suo pianoforte, un uomo che è nato e vissuto su una nave, che non ha mai messo piede a terra, ma che conosce il mondo e la vita meglio di chiunque altro, attraverso gli occhi e le emozioni dei passeggeri che negli anni hanno viaggiato sul «Virginian». Novecento è la dimostrazione che «Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla».
Mettere in scena un testo come Novecento significa voler raccontare una storia, riscoprire in altre parole il piacere, insieme con il pubblico, di sentire, immaginare e lasciarsi trasportare in una dimensione diversa dalla propria realtà. Novecento di Baricco, infatti, non è un vero e proprio testo teatrale ma oscilla fra il teatro e la letteratura come un brano di jazz che oscilla tra la musica classica e la musica leggera.