Domani sciopero Atm: via libera alle vecchie auto e niente Ecopass

Lo stop di tram, bus e metrò domani dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio. La protesta riguarda anche i treni, fermi dalle 21 di stasera alle 21 di domani.
Lo sciopero, indetto da Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti, UglTrasporti, Orsa, Faisa e Fast riguarda la vertenza per il rinnovo del contratto. I sindacati chiedono l’adeguamento dei salari all’inflazione, ma sulle ragioni della protesta è polemica con le imprese del trasporto pubblico, che hanno sottolineato che il contratto di mobilità costerà il 20 per cento in più rispetto ai normali rinnovi: falsità secondo i sindacati, che sono al terzo sciopero nazionale, dopo quelli del 9 maggio e 7 luglio.
Intanto, per far fronte ai disagi, la Regione Lombardia ha comunicato che è sospeso per la giornata di lunedì 10 novembre il fermo programmato dei veicoli più inquinanti in atto dal 15 ottobre scorso.
La sospensione vale anche, nel territorio cittadino, per l’Ecopass: torneranno entrambi in vigore martedì.