Domani il sorteggio degli ottavi di Champions: rischio Ancelotti per il Milan

Appuntamento a Nyon alle 12, i rossoneri e l'Inter possono trovare il Chelsea (ex squadra di Mourinho), ma anche il Manchester United, l'Arsenal o una spagnola. Il Bayern Monaco è l'avversario più pericoloso per la Fiorentina, che è testa di serie. Alle 13 gli accoppiamenti di Europa League

Milan contro Ancelotti, Inter contro Manchester United: è il sorteggio da brivido che le milanesi vorrebero evitare, dall'urna Champions di domani. Ma tutto è possibile, viste le posizioni delle due italiane nei gironi di qualificazione e le altre squadre del lotto degli ottavi.
Chelsea, Real Madrid, Barcellona o Manchester United sono solo alcune delle possibli avversarie di Inter o Milan negli ottavi di finale di Champions League, il cui sorteggio si svolgerà domani a Nyon, a mezzogiorno. Anche la Fiorentina è in lizza, ma i toscani, avendo al contrario delle milanesi vinto il proprio girone, possono sperare affrontare rivali meno prestigiose.
Domani, sempre a Nyon (ore 13), avrà anche luogo il sorteggio di sedicesimi ed ottavi di finale dell'Europa League, con la Juventus (retrocessa dalla Champions League), la Roma e forse, se si qualifica stasera al termine della gara con il Valencia, il Genoa. La Lazio è invece eliminata.
Da quest'anno, la Confederazione europea ha deciso di «sdoppiare» le date degli ottavi di finale della Champions League: le gare di andata si giocheranno i 16-17 ed i 23-24 febbraio, mentre quelle di ritorno sono previste i 9-10 e 16-17 marzo. Vi saranno dunque due partite al giorno. «Questa modifica - ha spiegato il servizio stampa dell'Uefa - permetterà di dar maggior visibilità alla competizione.» Inoltre non vi saranno più problemi di spostamenti di date per le formazioni che giocano nello stesso stadio. Così il Milan e l'Inter, che debbono entrambe ospitare nella gara di andata, giocheranno ad una settimana di intervallo. «Il calendario verrà reso noto rapidamente dopo il sorteggio», ha precisato l'Uefa.
Per il resto, il regolamento non cambia rispetto agli anni passati: ossia le vincenti dei gironi affrontano le seconde di un altro girone. Due le restrizioni: non è possibile incontrare una squadra già affrontata nei gruppi nè una formazione dello stesso paese. La Fiorentina, che ha vinto il proprio girone è, di conseguenza, sicura di evitare Lione, Milan ed Inter. Il Bayern Monaco, in piena ripresa come dimostra la sua recente vittoria a Torino dopo un inizio di stagione tormentato, è senza dubbio l'avversario sulla carta più pericoloso. Il Porto ed il CSKA Mosca sembrano un gradino sotto, così come lo Stoccarda, in grande difficoltà in Bundesliga e che ha appena cambiato allenatore, e l'Olympiacos.
Secondo del proprio girone, il Milan non potrà affrontare nè Fiorentina, nè Real Madrid. Ma uno scontro con il Chelsea di Ancelotti (ex-tecnico rossonero) è possibile e sconsigliabile - i Blues sono in testa della Premier League - così come uno con il Barcellona, in lizza per realizzare un incredibile grande slam. Negli ultimi mesi, i «blaugrana» hanno infatti vinto Champions League, campionato e coppa nazionale, supercoppa nazionale ed europea e domenica affronteranno gli argentini di Estudiantes della Plata in finale del Mondiale per clubs.
Estremamente pericoloso pure il Manchester United, secondo in patria. Un sorteggio contro Siviglia o Arsenal potrebbe essere preferibile. In quanto al Bordeaux di Laurent Blanc, anche se non ha grandi nomi ,è in testa in Francia ed ha stravinto il proprio girone davanti al Bayern ed alla Juventus.
Stessi pericoli per l'Inter, ad eccezione del Barcellona (già affrontato) e con l'aggiunta del Real Madrid, criticato per la qualità del gioco ma vincente sia in patria che in Europa. Josè Mourinho potrebbe anche ritrovare la sua ex-squadra, il Chelsea. Per la prima edizione dell'Europa League, le 32 formazioni qualificate veranno divise in due fasce: le vincenti dei gruppi (fra cui la Roma) di Europa League e le quattro migliori terze di Champions League (Juventus, Wolfsburg, Marsiglia ed Unirea Urziceni) affronteranno le seconde dei gironi di Europa League e le quattro peggiori terze classificate nei gruppi di Champions League (Liverpool, Marsiglia, Atletico Madrid e Standard Liegi) e disputeranno la gara di ritorno in casa. Non sono possibili incontri fra squadre dello stesso paese nè affrontare una formazione contro la quale si è già giocato durante la fase a gruppi. Una sfida Roma-Liverpool o Juventus-Liverpool non è quindi da escludere. I sedicesimi di finale di disputeranno i 18 (andata) e 25 (ritorno) febbraio. Gli ottavi (sorteggio libero) gli 11 e 18 marzo.