Domenica in 4.500 corrono per «Miguel»

Al via domenica 21 la «Corsa di Miguel». Organizzata sin dal 2000 dal Club Atletico Centrale sono già 4.500 i podisti attesi allo Stadio «Paolo Rosi» all’Acquacetosa. Tutti di corsa per ricordare Miguel Benancio Sanchez, impiegato di banca e poeta, mezzofondista e amante della vita, uno dei 30mila desaparecidos nell’ultima dittatura militare argentina. Sui nastri di partenza, dal 2000 a oggi, un fiume di persone di ogni fede, credo politico, status sociale: da Claudio Morresi, ministro dello Sport dell’Argentina, al Presidente del Coni, Gianni Petrucci, a don Luigi Ciotti, presidente dell’Associazione Libera, per passare a tanti sportivi eccellenti. Ci saranno infatti i due ori olimpici Andrea Benelli e Igor Cassina, il bronzo olimpico di canottaggio Bruno Macarenhas, la campionessa del mondo di pentathlon moderno Claudia Corsini, l’ex allenatore della Lazio Mimmo Caso, l’azzurra di canottaggio Gabriella Bascelli, gli azzurri del fondo, Daniele Caimmi e Francesco Ingargiola. Come sempre la sede del Csi Roma di Lungotevere Flaminio 55 sarà il quartier generale della manifestazione in cui si ritireranno i pacchi gara venerdì e sabato. Il 17, 18 e 19, ben 3mila studenti delle scuole elementari e medie saranno impegnati nel «Mille di Miguel», gara sulla distanza dei 1.000. Sabato, invece, Miguel sarà ricordato dai rugbisti dell’Almaviva Capitolina Rugby: ospite d’eccezione, l’ex rugbista argentino Raul Barandiaran, sopravvissuto alla dittatura argentina.