Domenica d’estate: tutto esaurito sul litorale

Stefano Vladovich

Code chilometriche sulle strade del mare, spiagge affollate all’inverosimile, multe a raffica, caos e incidenti. Sarà stato il caldo opprimente in città o le ferie posticipate alla settimana di Ferragosto, di fatto il maxi esodo di fine luglio non ha scongiurato l’assalto all’arenile preferito dai romani. Non solo. Da Fregene a Santa Marinella, dal Lido dei Pini a Torre Astura ogni fazzoletto di sabbia era occupato dagli «irriducibili della tintarella». E a Fregene, la «Perla del Tirreno», nonostante il divieto di balneazione esteso su un lungo tratto di costa, a migliaia si sono contesi lettino e ombrellone. Stessa storia per le altre località a sud e a nord della Capitale. Insomma, tutto esaurito su ogni spiaggia libera e stabilimento attrezzato. E dalla Rotonda della Cristoforo Colombo alle dune di Capocotta via Litoranea in tilt per ore. Ancora: lungomare al collasso, parcheggi esauriti fin dalle prime ore del mattino ai sette cancelli di Castelporziano. Congestionate, d’altro canto, la statale Pontina, la via Aurelia e l’autostrada Roma-Civitavecchia invase dai primi vacanzieri diretti verso il Circeo e l'Argentario. Boom di presenze (...)
SEGUE A PAGINA 30