Domenica ecologica, meglio se in bicicletta

Tutti in bicicletta sotto il sole, per godersi Roma senza traffico, rumore e smog. Oltre diecimila persone hanno pedalato lungo via dei Fori Imperiali, altrettante nel resto della città. La due ruote è stata infatti la regina della giornata ecologica della capitale, organizzata in occasione della settimana europea della mobilità sostenibile, che per consentire libertà di movimento, anche a piedi, a grandi e piccini, ha pedonalizzato alcune strade e piazze in 16 municipi.
Già dalla prima mattinata centro storico, via dei Fori Imperiali, Trastevere e Appia Antica sono state pacificamente invase da romani e turisti. Ad arricchire l’offerta domenicale - la prima delle due giornate ecologiche (la prossima è in calendario per il 29 ottobre) l’apertura, grazie alla giornata europea del patrimonio, di musei, archivi, biblioteche, siti archeologici e turistici. La giornata ha riservato, fino alle 18, oltre alle strade e le piazze libere del traffico, laboratori di educazione ambientale, passeggiate in bicicletta organizzate per attraversare siti archeologici di pregio, spettacoli di animazione e attività di informazione sulle opportunità di muoversi con mezzi ecologici. Chi ha voluto provare il piacere di pedalare senza traffico, ha avuto a disposizione numerosi punti dove era possibile noleggiarla gratuitamente.
«Un’edizione della domenica ecologica caratterizzata dalla grande presenza di biciclette in tutta la città, abbiamo stimato che solo ai Fori Imperiali ce ne fossero oltre 10mila: si tratta di un vero e proprio boom delle due ruote che a Roma conoscono una stagione mai vista», ha commentato l’assessore comunale all’Ambiente Dario Esposito. «Il richiamo per le due ruote ecologiche - ha aggiunto l’assessore - è sempre più forte per i cittadini. Manifestazioni come la domenica a piedi testimoniano che i romani hanno sempre più voglia di andare in bicicletta per riscoprire la città riappropriandosi dei luoghi simbolici, tradizionali e delle strade rionali, scegliendo la bicicletta come arma per contrastare smog, traffico, rumore e caro benzina. Cinque anni fa sembrava impossibile proporre questo modello di mobilità alternativa all’auto privata. Oggi, grazie allo sforzo per realizzare una rete integrata di percorsi ciclopedonali e alla promozione di iniziative di sensibilizzazione come la domenica ecologica, è cresciuto il numero dei cicloamatori che chiedono un’alternativa alla mobilità privata».