Una domenica di fuoco: ai pompieri in poche ore oltre duecento chiamate

Domenica di fuoco in tutta la regione. Sono oltre duecento le richieste di intervento giunte ieri dalle 8 alle 18 alla sala operativa dei vigili del fuoco. Grave la situazione nella Tuscia, dove sono divampati circa 70 incendi, probabilmente di origine dolosa. Il più pericoloso è scoppiato nel tardo pomeriggio sul monte Soratte, a Sant’Oreste. Le fiamme, alimentate dal forte vento, si sono estese praticamente su tutto il costone orientale del monte e hanno rischiato di compromettere la linea ferroviaria Viterbo-Civita Castellana-Roma. Anche il tratto dell’A1Roma-Napoli, compreso tra i caselli di Ponzano e Soratte, è stato raggiunto dal fuoco. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Roma e Viterbo, che con l’ausilio di mezzi aerei hanno eseguito numerosi lanci di acqua e continuano, dall’alba, a faticare per riuscire a domare le fiamme. Secondo i responsabili della Riserva Naturale del Soratte, i danni causati dal fuoco sarebbero ingenti. L’incendio ha distrutto noccioleti, uliveti, numerosi ettari di boscaglia e ha anche raggiunto una zona in cui si trovano numerosi «meri», gigantesche voragini carsiche che si aprono a cielo aperto nella roccia, che compaiono d’improvviso in mezzo ai boschi popolati da una flora ed una fauna ricche di specie. Per precauzione sono state anche evacuate alcune abitazioni in località Ficali.
Fiamme anche in città. Un vasto incendio di sterpaglie è divampato in via Pietro De Cristofaro, in zona Valle Aurelia, costringendo a una temporanea interruzione del servizio sulla linea ferroviaria Fm3 Roma-Viterbo per l’intenso fumo che ha invaso anche i binari. Un grosso incendio è divampato anche in un deposito di cassette di legno in via Cristoforo Colombo, all’altezza di viale Marconi. Sul posto quattro mezzi dei vigili del fuoco. Anche in questo caso i problemi maggiori sono stati provocati dall’alta colonna di fumo.
Infine fiamme nella zona di Zampa d’Agnello, nella periferia sud di Civitavecchia, nei pressi del quartiere Campo dell’Oro. Sul posto hanno lavorato a lungo le squadre dei vigili del fuoco di Civitavecchia, coadiuvate da due mezzi della caserma di Cerveteri, che hanno anche impedito che le fiamme raggiungessero il tendone di un circo e un vicino distributore di benzina dell’Api.