Una domenica a tutta musica

La Casa del Jazz compie quattro anni. Anni in cui ha offerto alla città di Roma una proposta musicale raffinata e innovativa, dando vita anche a una collana discografica di registrazioni dal vivo, ricca di incisioni interessanti. Anni in cui ha ospitato oltre 280mila visitatori, organizzando più di 800 eventi (tra concerti, incontri, guide all’ascolto, conferenze stampa, proiezioni) con circa 2mila musicisti. Il quarto compleanno si festeggia domenica, con un triplo concerto a base di Charles Mingus. Lo spettacolo serale vedrà sul palco i Quintorigo, mentre in tarda mattinata e nel pomeriggio ci saranno il sestetto di Roberto Spadoni e il quintetto di Attilio Zanchi. Il chitarrista Roberto Spadoni proporrà un concerto (ore 12) dal titolo «Mingus, Cuernavaca», ispirato alle ultime ore di vita del contrabbassista americano raccontate nell’omonimo libro dello scrittore francese Enzo Cormann. Le musiche del sestetto (con Achille Succi al sax alto, Max Ionata al sax tenore e soprano, Roberto Rossi al trombone, Stefano Cantarano al contrabbasso e Ettore Fioravanti alla batteria) sono state scritte da Spadoni su commissione del teatro Metastasio di Prato. Lo spettacolo di Attilio Zanchi, alle 16, si intitola Portrait of Mingus. In scaletta brani del repertorio di Mingus riletti dal quintetto (Gianni Azzali al sax tenore e soprano, Gendrickson Mena alla tromba, Roberto Cipelli al pianoforte, Attilio Zanchi al contrabbasso, Marco Castiglioni alla batteria), alternati a composizioni originali di Zanchi e Cipelli ispirate alla poetica musicale del contrabbassista. Gran finale alle 21 con i Quintorigo (Valentino Bianchi al sax, Andrea Costa al violino, Gionata Costa al violoncello, Stefano Ricci al contrabbasso e Luisa Cottifogli alla voce) e il loro spettacolo Quintorigo play Mingus. La band ha vinto il titolo di «miglior formazione live» del 2008, secondo la rivista Top Jazz, proprio per il tour dedicato al musicista americano. In concerto vengono suonati i brani più celebri di Mingus riarrangiati dai Quintorigo, affiancati dalle letture di alcuni passi significativi della sua autobiografia e dalle proiezioni su maxi schermo di documentari e stralci di concerti. Dalle 11 alle 16, nella sala concerti, saranno proiettati video rari di Charles Mingus. Le sue musiche risuoneranno anche negli intervalli tra un concerto e l’altro. Info: 06/704731.