Don Gallo smetta di fare il prete

Finalmente anche la Curia si è svegliata. In questi tempi abbiamo assistito a prediche da sacerdoti che di divino avevano solo le vesti. A volte basta un don Gallo, un don Vitaliano per denigrare la nostra religione cattolica.
Sapevo già da tempo che don Vitaliano è stato sospeso a divinis. Finalmente il cardinale Tarcisio Bertone arcivescovo di Genova ha richiamato don Gallo. Sono sacerdoti che con il loro comportamento professano a scopi politici la nostra fede, specialmente a Genova. Io la chiamo la città rossa fino alle radici. Questi sacerdoti si dichiarano preti no global. Sfilano con pugni chiusi nelle dimostrazioni contro il governo, si dicono pacifisti, per me sono esaltati, schierati con violenti che saccheggiano negozi a gente onesta. Tempo fa vidi sul Giornale una foto di don Gallo che benediceva piantine di marijuana, nessuno ha mosso un dito specie i magistrati, non è reato coltivare marijuana?
Dalla Curia solo silenzio, facendo divenire la nostra religione una fotocopia sbiadita. Bastano pochi preti alla Chiesa, al Vangelo, fanno più male che bene, specie in questi tempi dove tutto traballa specie la nostra fede.
Il cardinale Tarcisio Bertone dovrebbe scomunicare questi preti e spogliarli della tunica talare: non sentiremo la loro mancanza. Una cattolica molto preoccupata.