Don Verzè: "Avanti, ma discontinuità dal passato"

"Verranno garantite per il futuro la continuità dello spirito e della missione con le quali il San Raffaele è stato fondato basandosi su regole nuove e su una gestione efficiente, assicurando la necessaria discontinuità dal passato e dagli errori commessi"

Milano - Si è riunito oggi sotto la presidenza di don Luigi Maria Verzè, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione San Raffaele del Monte Tabor. "I consiglieri - si legge in una nota - hanno proseguito nell’analisi della situazione contabile secondo il programma che prevede per la fine del mese di agosto la conclusione dell’iter di ricognizione delle grandezze economiche. In tal senso nella seduta odierna sono state esaminate le diverse opzioni percorribili per avviare il piano di risanamento. Elemento comune di tutte le alternative considerate è la centralità della struttura clinica e di ricerca. Inoltre è stata ribadita la messa in sicurezza nel medio termine degli stipendi e delle forniture necessarie all’attività clinica". Al termine della riunione don Luigi Maria Verzè ha tenuto a sottolineare che: "Verranno garantite per il futuro la continuità dello spirito e della missione con le quali il San Raffaele è stato fondato basandosi su regole nuove e su una gestione efficiente, assicurando la necessaria discontinuità dal passato e dagli errori commessi". Il Consiglio ha convenuto sulla necessità di avviare a tal fine una revisione del quadro delle regole statuarie oggi vigenti.