Donna e le due figlie torturate e uccise a Gaza

Gaza. I cadaveri di tre donne assassinate sono stati scoperti in un terreno incolto nei pressi di Deir al-Balah, località situata nel settore centrale della Striscia di Gaza. Lo hanno riferito fonti ospedaliere locali, citate dall’agenzia di stampa palestinese Maan, e la notizia è stata poi confermata da un portavoce della cosiddetta Forza Esecutiva di Hamas. Non si tratterebbe tuttavia di un’omicidio plurimo legato alla faida tuttora in corso tra le due fazioni avverse, che tuttora riesplode sporadicamente nell’enclave, malgrado la violenta presa del potere da parte del gruppo radicale a spese di Fatah in giugno. Le tre, a quanto sembra una madre e le sue due figlie la cui identità non è peraltro ancora stata accertata, sarebbero invece rimaste vittime di un delitto d’onore. I corpi presentavano segni di gravi sevizie: lesioni da arma da taglio e segni di asfissia; alcuni individui, forse gli stessi aggressori, prima di dileguarsi avevano cercato di occultarli seppellendoli sotto il terriccio con una ruspa.