«Donna con l’influenza suina» Scatta l’allerta al San Martino

La paura per l’influenza «suina» dilaga anche nel capoluogo ligure dove una donna si è presentata nella notte tra il primo maggio e ieri all’ospedale San Martino lamentando febbre alta. La paura della genovese era legata al fatto che nei giorni scorsi aveva incontrato un amico che era appena giunto da un viaggio in Messico. Così, quella che in un altro momento sarebbe stata affrontata come una comune influenza, è stata valutata più attentamente anche perché l’unico caso italiano fino ad oggi si è verificato a pochi chilometri dal confine ligure, in Toscana: è quello di un uomo di Massa Carrara, peraltro già guarito. La donna ha così chiesto l’aiuto dei sanitari che non hanno sottovalutato l’allarme e hanno adottato immediatamente il protocollo terapeutico messo a punto con il ministero della Salute in base alle raccomandazioni dell’Oms, l’organizzazione mondiale della sanità.
Immediatamente la paziente è stata ricoverata e sottoposta ad accertamenti. Tre ore più tardi i risultati delle analisi di laboratorio hanno escluso che l’aumento della temperatura corporea fosse da ricondurre ad influenza, tantomeno del tipo A (H1N1). La paziente è stata quindi dimessa. «I controlli che abbiamo predisposto - ha commentato l’assessore ligure alla Salute, Claudio Montaldo - stanno funzionando alla perfezione. Nel caso in questione si è agito con rapidità e competenza».