Donna saudita chiede poligamia al contrario: bufera

La scrittrice Nadin al-Badir propone che anche le donne possano avere quattro mariti. Si scatena la reazione dei capi religiosi musulmani: «richieste aberranti»

Parità tra i sessi e non solo. Uguaglianza tra uomo e donna nell'istituto della poligamia. A chiederlo in un articolo che ha mandato su tutte le furie gli ulema dell'Arabia Saudita la la scrittrice e giornalista saudita Nadin al-Badir, nota per essere anche conduttrice del canale tv americano in lingua araba «al-Hurra».
Nel suo intervento, apparso nei giorni scorsi sul giornale egiziano «al-Masri al-Youm», la giornalista ha rivendicato la possibilità per la donna di sposare quattro mariti, provocando aspre polemiche e numerose critiche non solo in Arabia Saudita, ma anche in Egitto. Molto dura è stata la reazione dello sceicco Abdallah Bin Sulaiman al-Muni, membro della commissione dei Grandi Ulema, che ha definito la al-Badir «deviata e sobillatrice», paragonandola alla figura di Abu Lahab, uno zio del profeta Maometto considerato tra i più acerrimi nemici dell'Islam.
«Le parole di Nadin non hanno il consenso della comunità islamica e tra tutte le sette e le scuole di pensiero in seno all'Islam non ho mai sentito rivendicazioni aberranti come queste - ha detto il religioso -. Le sue sono parole contrarie a ciò che recitano il Corano e la Sunna. Spero che venga giudicata e condannata da un tribunale per queste sue affermazioni illogiche».
In Egitto è stato presentato presso l'ufficio del procuratore generale della Repubblica un esposto da parte dell'avvocato Khaled Fuad, in cui Nadin viene accusata di aver trasgredito i dettami della sharia, violando il secondo articolo della Costituzione egiziana, che considera la sharia come principale fonte giuridica nel Paese. Anche il quotidiano «Misr al-Youm» è stato denunciato per aver diffuso le «fuorvianti e aberranti» affermazioni della scrittrice saudita.