Donna travolta a Giugliano, preso un rom

L'uomo, Franko Hadzovic, che vive nel campo rom di Giugliano, è stato riconosciuto dalla figlia di Piera Calanna, 52 anni. <strong><a href="/a.pic1?ID=178437" target="_blank">Aveva cercato di fermare il ladro mentre rubava la sua auto</a></strong>. E' accusato di omicidio aggravato e rapina, fermato nelle campagna di Castelvorturno

Napoli - Un cittadino bosniaco, ospite del campo rom di Giugliano, è stato fermato con le accuse di omicidio aggravato e rapina, nell’ambito delle indagini sulla morte di Piera Calanna, la donna di 52 anni deceduta dopo aver cercato di fermare il furto dell’auto della figlia. Il rom, Franko Hadzovic, secondo quanto riferiscono gli investigatori è stato riconosciuto dalla figlia della vittima, dopo essere stato bloccato dai carabinieri mentre vagava nelle campagne di Castelvolturno. Procedeva a fari spenti a bordo del suo camper in compagnia di una parente. In seguito si è giunti a sospettarlo di quanto accaduto a Giugliano. Per giungere al provvedimento di fermo decisiva è stata la testimonianza della figlia di Piera Calanna, che al momento della rapina, due giorni fa a Varcaturo, frazione di Giugliano, si trovava davanti l’automobile mentre sua madre, la vittima, è stata travolta e uccisa mentre il malvivente, per scappare, effettuava la retromarcia.

La difesa Confusa e contraddittoria è apparsa agli inquirenti la ricostruzione del cittadino bosniaco, che vive in una baracca di un campo rom insieme alla moglie e a sette figli. Il procuratore aggiunto della procura della repubblica di Napoli, Paolo Mancuso, ribadisce, comunque, che l’indagine è alle prime battute e che a breve sulla vicenda ci potrà essere più chiarezza anche a seguito degli accertamenti, tutt’ora in corso, e delle analisi tecniche disposte sull’auto della vittima eseguite dai Ris. Le indagini potrebbero anche individuare altri testi, forse in quel momento inconsapevoli di quanto stava avvenendo. Così come non è escluso che Hadzovic abbia agito con un complice.

Sei arresti in 13 anni Da tredici anni in Italia, a 33 anni, Franko Hadzovic, è stato arrestato sei volte. Clandestino, Hadzovic, ha molti precedenti per furto, ricettazione, tentato furto, mancato rispetto del decreto di espulsione. Le prime tracce di una sua presenza in Italia, risalgono a tredici anni fa. Sposato da dieci anni, sette figlie, Hadzovic viveva nel campo rom di Giugliano.