Doping, Piepoli due volte positivo all'Epo al Tour

Come il suo capitano Riccò ancheil corridore pugliese è stato trovato positivo in due diverse occasioni alla Cera, l'Epo di ultima generazione, nel corso dell'ultima Grande Boucle. Sono i risultati dei nuovi controlli sui campioni raccolti a luglio. Positivo anche il tedesco Schumacher 

Parigi - Dopo Riccò anche Piepoli. Il corridore italiano è stato trovato positivo all’Epo di ultima generazione (Cera) per due volte al Tour de France di quest’anno, il 4 ed il 15 luglio. Lo si è appreso in ambienti del ciclismo. La positività di Leonardo Piepoli, che era compagno di squadra di Riccardo Riccò nella Saunier Duval, è stata riscontrata nell’ambito di controlli antidoping ulteriori e più approfonditi disposti dalle autorità ciclistiche. Immediata convocazione davanti alla procura antidoping del Coni per Piepoli. Il procuratore Ettore Torri ha infatti fissato per venerdì alle 12 un’udienza alla quale dovrà partecipare il corridore.

Positivo anche Schumacher Anche il tedesco Stefan Schumacher del team Gerolsteiner è stato trovato positivo al Cera, l’Epo di terza generazione, in occasione dell’ultimo Tour de France. Lo riferisce l’edizione online del quotidiano sportivo francese L’Equipe. La positività di Schumacher, vincitore di due prove a cronometro e due giorni in maglia gialla nella Grande Boucle della scorsa estate, è emersa nello stesso giorno di quella di Piepoli. Durante la Grande Boucle erano stati espulsi per positività al doping, oltre a Riccò, il kazako Dmitri Fofonov e gli spagnoli Manuel Beltran e Moises Duenas Nevado.