Doppio assalto Insulti e portone forzato, la Lega nel mirino degli intolleranti

Nuovi episodi di intolleranza politica. E ancora una volta contro la Lega, che per assurdo viene sempre accusata di essere intollerante. I dirigenti della Lega Nord hanno infatti denunciato ai carabinieri un tentativo da parte di ignoti di forzare il portoncino della nuova sede del partito a Genova-Prato, in via Struppa e la comparsa di scritte contro i «fasci» di fronte alla nuova sede in via Napoli. «Abbiamo aspettato qualche giorno a comunicare quanto avvenuto presso le nostre sedi - spiega il segretario provinciale della Lega Nord Edoardo Rixi - perché speravamo che il clima si rasserenasse, ma dopo i fatti di Milano e le dichiarazioni di Di Pietro abbiamo deciso di denunciare tutto pubblicamente. Purtroppo anche a Genova l’atmosfera non è delle più serene. Invito tutte le forze politiche a moderare i toni. Come segretario provinciale della Lega Nord non sono più disposto ad accettare che gli avversari politici denigrino la Lega dipingendola come xenofoba e fascista. È ora di finirla, ogni persona ha le sue idee, ma così si incita all’odio e Genova è una città sensibile».