Doppio colpo in banca «Mi avevano rovinato»

Ai carabinieri che gli chiedevano perché avesse rapinato due filiali della stessa banca a Sanremo ha risposto: «L’ho fatto perché mi hanno rovinato, per colpa loro ho perso la mia ditta, moglie e famiglia mi hanno girato le spalle». Secondo Roberto D., ex imprenditore edile di 34 anni, il fallimento della società che aveva creato nel 2000 era stato provocato dai debiti con la banca. Per questo ha messo a segno i due colpi alla Banca Carige (10mila euro il bottino) il 16 agosto e lunedì pomeriggio. In entrambi i casi, ha agito con una pistola giocattolo e il volto travisato da un berretto a visiera e un paio di occhiali avvolgenti. I carabinieri, aiutati dai filmati delle telecamere, sono riusciti a identificarlo (era noto alle forze dell’ordine) e hanno scoperto poi che si era rifugiato a Limone Piemonte, in provincia di Cuneo. Lì spendeva il bottino nei vari bar, alberghi e ristoranti. E lì i carabinieri l’hanno arrestato.