Doppio derby Nervi-Bogliasco e Savona-Chiavari

Ultimo sforzo per la pallanuoto prima del panettone natalizio. La XII giornata che va in vasca oggi parte già con il piede sbagliato: Gu Baldineti tecnico della Bissolati Cremona ha infatti lasciato la società dopo la pesante crisi delle ultime settimana. Baldineti (ex giocatore ed allenatore della Pro Recco) lascia così Cremona dopo «anni densi di emozioni» e si unisce alla pattuglia di fuggitivi che hanno già lasciato la società (l'americano Azevedo è andato allo Jug, il rumeno Georgescu è tornato in patria). Troppe però tre società in crisi: Chiavari, Salerno e Cremona sono un segnale inequivocabile di uno sport che sta soffrendo terribilmente una mancanza di programmazione orchestrata dalla Federazione, che sembra pensare più a problemi di facciata (leggasi Mondiale di Roma 2009) che alla reale condizione di sofferenza della base.
Detto ciò la dodicesima giornata non riserva particolari emozioni. Unica eccezione il derby Nervi-Bogliasco (Sciorba di Genova ore 19.30 arbitri Carannante e De Chiara). La classifica parla di un leggero vantaggio dei biancocelesti di Massimo De Crescenzo (12 punti contro 11); entrambe le squadre provengono da una vittoria: il Bogliasco ha superato il Salerno con ampio merito, il Nervi, pur con qualche difficoltà, ha strappato i tre punti alla Florentia alla Sciorba. «Il Nervi ha un organico superiore al nostro - commenta Massimo De Crescenzo - ma confido in una buona prestazione dei ragazzi che specie con le formazioni tecnicamente più forti hanno sempre giocato bene».
La giornata per le altre liguri è scialba: anche a Savona è derby fra Savona e Chiavari (ore 15, Bacis e L. Bianco). Ma certamente i ragazzini di Casagrande non riusciranno a impensierire i navigati biancorossi di Claudio Mistrangelo. La Pro Recco va a Firenze (ore 14.45 Riccitelli e Rotondano, differita su Rai Tre dalle ore 16,35) conscia di non trovare praticamente ostacoli sulla sua strada. Il brillante successo conseguito a Volgograd nella freddissima trasferta di Euroleage, con tanto di applausi del pubblico russo, ha reso ancor di più consapevole la truppa biancoceleste di Pino Porzio. Oggi è la squadra di club più forte in Europa (quindi al mondo) e l'unico avversario che può temere è un calo di concentrazione.
Il Sori ospita a Punta Sant'Anna il Padova (ore 19.30, De Meo e Lo Dico): nessun problema, almeno così dice la classifica, per i granata di Viorel Rus, ormai attestata alle spalle di Recco, Brescia e Posillipo. E la crisi della Bissolati ne agevola il mantenimento della quarta piazza.