Dorelli duetta con Bollani, Facchinetti chiama Anggun

Il giovedì sera esibizione con ospiti. Gli Zero Assoluto in coppia con Nelly Furtado

Intanto sarà una sorpresa vedere insieme Johnny Dorelli e Stefano Bollani, il re dello swing italiano e uno dei pianisti jazz più famosi nel mondo. E poi, visto che il Festival è pur sempre un imprevedibile rito pop, faranno il loro bell’effetto anche Robi Facchinetti dei Pooh e il figlio Francesco che cantano Vivere normale insieme con Anggun, l’indonesiana dalla voce di perla. Mica male. A occhio e croce, al prossimo Festival di Sanremo la serata del giovedì sarà una delle più godibili: i cantanti arriveranno sul palco con un ospite per interpretare il loro brano in versione - come precisa il regolamento - «riadattata». In poche parole, cambieranno gli arrangiamenti e la durata non potrà comunque essere superiore ai tre minuti e quaranta (e qualche volta potrebbe essere una fortuna). Alla fine, comunque, ogni esibizione servirà a far classifica, anche se stavolta (o tempora o mores) non si conoscerà nessun exit poll fino a sabato sera. Pippo dixit e forse è davvero meglio così: meno polemiche, più attesa e immaginatevi in questa situazione di incertezza come sguazzerà felicemente Chiambretti nel suo Dopofestival.
Comunque da settimane ogni artista è alla ricerca di un abbinamento vincente con due caratteristiche principali: famoso ma non troppo altrimenti ruba attenzione e comunque non concorrenziale. C’è chi, come Paolo Rossi, per cantare In Italia si sta male ha scelto di affiancarsi ai Têtes de Bois perché «sono amici della famiglia di Rino Gaetano e li conosco dal 1995». Oppure chi punta sul sicuro come gli Zero Assoluto, che in Appena prima di partire duetteranno con Nelly Furtado proprio come hanno già fatto nel brano All good things. Lei è in un momento d’oro visto che a oltre sei mesi dalla pubblicazione del suo cd Loose è ancora altissima in tutte le classifiche del mondo. E loro provano a ripetere il successo di Svegliarsi la mattina che l’anno scorso è stato il vero colpaccio commerciale del Festival. Infine c’è chi è molto più fedele alla linea, come i Velvet. Loro canteranno Tutto da rifare e state sicuri che proveranno a mettere in pratica il titolo anche nella serata di giovedì: sul palco con loro ci sarà Francesco Sarcina delle Vibrazioni. E allora le note avranno un profumo molto, come si dice?, vintage.