Dormitori, cifre da brivido per il nuovo piano anti-freddo

Oltre gli 800 già disponibili sono 812 i posti letto per l’inverno

«Milano amica». Sono 812, una cinquantina in più rispetto all’anno scorso, i posti letto nei dormitori del Comune allestiti per il piano antifreddo. Sistemazioni che vanno ad aggiungersi alle 800 già disponibili tutto l’anno. Si parte il prossimo 15 novembre e si andrà avanti fino al 31 marzo. L’assessore alle Politiche sociali Mariolina Moioli ha messo in conto una spesa complessiva di 761.400 euro per poter dare un aiuto ai circa 5mila senza fissa dimora che gravitano in città. «Quest’anno - assicura la Moioli - metteremo a disposizione un servizio di assistenza completo che prevederà anche le cure mediche e corsi di apprendimento linguistico». E poi servizi di accompagnamento sociale, sorveglianza, pulizia, controllo. Il servizio di assistenza con unità mobili notturne, un sistema di distribuzione di sacchi a pelo e di pasti caldi grazie all’associazione Banco alimentare onlus. E poi la distribuzione di medicinale del Banco famaceutico e il servizio di vigilanza offerto dal Centro aiuto stazione Centrale. La gestione del servizio di accoglienza notturna per 466 posti, i servizi di accompagnamento sociale e quello di controllo e prevenzione sanitaria saranno affidati in appalto con una base d’asta di 530.870 euro. Il Comune contribuirà alle spese per la distribuzione degli alimenti con un investimento di 32mila euro e per la distribuzione dei farmaci con 10mila. Destinati alla sicurezza del Centro aiuto della stazione Centrale 7.103 euro. Per tutta la durata del Piano, negli orari di maggiore affluenza allo sportello (dalle 9 alle 12, tranne i festivi), sarà presente la vigilanza.