Dossier illegali Telecom: altri tre arresti

Milano - I carabinieri di Milano hanno arrestato oggi tre persone nell’ambito nell’inchiesta sui dossier illeciti Telecom. Si tratta di Angelo Jannone, ex-colonnello dei Ros assunto in Telecom dall’ex-capo della sicurezza della società, Giuliano Tavaroli agli arresti domiciliari, del tecnico informatico Alfredo Melloni, già arrestato in passato nell’ambito della stessa inchiesta, tecnico informatico del Tiger Team, e Roberto Rangoni Preatoni, figlio dell’immobiliarista Ernesto Preatoni.
Le accuse mosse nei confronti dei tre vanno, a vario titolo, dall’associazione a delinquere all’accesso abusivo di sistema informatico, all’intercettazione telematica abusiva. L’inchiesta, condotta dai pm Nicola Piacente, Stefano Civardi e Fabio Napoleone, è partita nel settembre 2006 e riguarda la raccolta illegale di informazioni riservate da parte di quelli che all’epoca erano dirigenti Telecom e ha condotto in carcere diverse decine di persone, in varie tornate di arresti.

L’attività di hackeraggio compiuta nei confronti della Kroll nella partita giocata da Telecom Brasile, è quella che era stata programmata nei confronti di 25 soggetti, che sarebbero stati, nell’intenzione degli indagati, raggiunti da una e-mail civetta in grado di sottrarre loro ogni memoria. Sarebbero soprattutto questi i capitoli principali esaminati dagli inquirenti milanesi nell’ambito dell’inchiesta scandalo sui dossier illeciti. Gli investigatori stanno inoltre compiendo una serie di perquisizioni. Le accuse mosse nei confronti dei tre vanno, a vario titolo, dall’associazione a delinquere all’accesso abusivo di sistema informatico, all’intercettazione telematica abusiva. I tre arrestati saranno sentiti tra domani e dopodomani dal giudice per le indagini peliminari di Milano, Giuseppe Gennari.