Il dossier passa da Milano a Roma

I testi delle intercettazioni telefoniche sulla scalata a Bnl da parte della società assicurativa Unipol sono ora allo studio della Procura di Roma, che ha ricevuto gli atti mandati settimana scorsa dai Pm del Tribunale di Milano. Ma il procuratore aggiunto Achille Toro impiegherà qualche giorno prima di leggere tutti i nastri e quindi valutare, assieme al sostituto Perla Lori, quali mosse compiere. I contenuti, non essendo previsti tribunali del Riesame, dovrebbero comunque rimanere coperti dal segreto investigativo. Che comunque l’indagine Unipol-Bnl possa accelerare è voce che si ripete in queste ore. Del resto il filone d’indagine, avviato a metà luglio, è rimasto più indietro rispetto a quello di Antonveneta. Tant’è che l’indagine sulla banca romana è ancora ufficialmente contro ignoti mentre quella su Antonveneta vede indagati Giampiero Fiorani, il capo della vigilanza di Bankitalia Francesco Frasca e altri manager della Banca popolare Italiana, ex Lodi.