Dossier Telecom Pure De Benedetti tra le «parti offese»

Alla fine Carlo De Benedetti è riuscito a farsi inserire dalla Procura di Milano nell’elenco delle «vittime» dei dossieraggi abusivi realizzati da Telecom Italia. La richiesta di rinvio a giudizio spiccata ieri dai pm contro Giuliano Tavaroli e gli altri ex collaboratori della «security» del gruppo contiene ben poche novità, rispetto a quanto emerso nei mesi scorsi. L’unica differenza è la comparsa di un nuovo gruppo di «parti offese», duecento nomi di presunte vittime che vanno ad aggiungersi ai quattromila nomi già identificati nel corso delle indagini. Ed è frugando nei 200 nomi nuovi che salta fuori quello di «De Benedetti Carlo». A raccontare di accertamenti sotterranei a carico di De Benedetti era stato Marco Bernardini, un private eye assoldato da Tavaroli. Ora con lo status ufficiale di «dossierato» si apre per De Benedetti la strada per una richiesta di risarcimento danni a carico degli imputati: tra cui, come responsabile aziendale, figura la stessa Telecom.