Dove il Capodanno è più gustoso

Buona tavola, musica, allegria e un brindisi per dare il benvenuto al nuovo anno e propiziarsi la fortuna, ovviamente in compagnia. Individuare quali siano gli ingredienti di un ottimo San Silvestro è semplice, più difficile è scegliere dove trascorrerlo. Perché anche luogo e atmosfera, per la tradizione, possono influire sull’andamento del nuovo anno. E, certamente, sull’umore. Degli appuntamenti «ballerecci» e musicali parliamo qui sotto, ecco invece dove trascorrere l’ultima cena del 2008 con gusto. Con una piccola sorpresa, decisamente piacevole: complice la crisi, i prezzi rimangono pressoché inalterati rispetto allo scorso anno. Anche se non sono per tutte le tasche.
Si comincia dalle proposte «top», per palato e finanze. Si apre con tartare di scampi su brunoise di cetrioli e papaia con caviale il gran galà firmato Heinz Beck al Cavalieri Waldorf Astoria, con musica, ballo e fuochi d’artificio (1100 euro). Beck proporrà ai suoi ospiti ricette «abbastanza tradizionali, basate su un gusto riconoscibile ma sempre arricchito con un tocco di classe e creatività. Perché in fatto di gusto gli italiani restano pur sempre abbastanza tradizionali». Tra i piatti che compongono la carta di San Silvestro dell’Hilton Beck si dice «particolarmente affezionato ai maccheroncini integrali al ferretto, con gamberi rossi, purè di melanzana affumicata e croccante di pane. L’idea di questo piatto - spiega Beck - nasce in Sicilia, mangiando la pasta alla Norma cucinata da mia suocera». Lo stesso hotel propone serate differenti, dal San Silvestro alle Belle Arti a 420 euro ai 170 dell’Ice Party al Tiepolo Lounge, fino ai 60 di sushi e sashimi. Più proposte all’hotel Hassler. Spazia tra scampi, triglie e capesante ad agrumi e rollè di cappone con pere e castagne, il menù di Francesco Apreda da Imàgo, al costo di 800 euro, bevande escluse. Tra i piatti in carta, c’è sempre una suggestione esotica, come pretende la formazione di Apreda: quindi ecco Scampi, triglie e capesante agli agrumi e pan di spezie e Rollè di cappone biologico con castagne e pere, gnocco di semolino al curry rosso. I prezzi scendono al Salone Eva (250) e al Palazzetto (230). Dopo mezzanotte, serata danzante e musica live. Appuntamento d’autore pure al de Russie, con le creazioni di Nazzareno Menghini, tra ostriche, caviale, astice e maialino di cinta senese, «conditi» da musica live (700 euro). La festa all’hotel Exedra inizia alle 20 con un aperitivo di benvenuto, ma alle 21 le strade si dividono. Cena al ristorante (240 euro) o, per dodici fortunati, tavolo «speciale» con lo chef Alessandro Circiello che cucina davanti ai commensali (380). Si prosegue con musica, intrattenimento e brindisi. Millefoglie di astice con verdure al lime è una delle creazioni di Michele Simioli al roof garden l’Olimpo del Bernini Bristol (280).
Primo San Silvestro dopo trasferimento ufficiale e chiusura del ristorante di Labico per lo chef Antonello Colonna che all’Open al Palazzo dell’Esposizioni assicura una cena all’insegna della creatività, con cannoli di baccalà, pop-corn di fegato grasso e «risotto che sembra un uovo» (250). Si può scegliere tra l'opzione cenone (220 euro), buffet (170) e dopocena (100) a Villa Miani. Cena, musica dal vivo con la Reo Confesso Band, dj set e animazione al Gilda (220). Crescendo di sapori dal pesce alla carne, fino all’immancabile cotechino con lenticchie all'hotel Radisson (175). «Debutta» tra le location da veglione Convoglia alla Cappa Mazzoniana, all’interno della Stazione Termini, che, dalle 20 all’alba, offre più tipologie d’ingresso, dal «top class», con cena al tavolo, (175) all’«easy», con ingresso alle 23,30 e open bar (65). Al Salone delle Fontane, tre sale per altrettanti tipi di musica, dalla cena al tavolo (170) all’ingresso dopo mezzanotte (55). Sono due le cene dell’hotel Aleph, da 160 a 90 euro. Dopocena, l’ingresso è a 40 euro. Si sdoppia il San Silvestro al Giuda Ballerino, tra ristorante (150) e osteria (80). Live music, evergreen e buffet al Castello di Tor di Quinto, con offerte da 140 a 90 euro. Saranno gli Illy Vanilli ad animare la notte della Cabala, da 140 a 50 euro.
Chi ha voglia di iniziare l'anno facendo nuove conoscenze e cercando l’amore non perderà l’evento speed date al Target: a ogni portata si cambia tavolo per conoscersi tutti prima di mezzanotte (130). A tutto volume il veglione all’Hard Rock Cafè (100). Da cena a open bar, varie le proposte del Ketumbar, da 100 a 30 euro. Moulin Rouge e atmosfere parigine nell’ambientazione dell’Art Cafè (90). Tra 90 e 25 euro, la serata alla Stazione Birra, con cenone, black musica e discoteca. Menù italiano e bavarese con open beer al Piper (90).
E per chi vuole iniziare l’anno all’insegna della gola una nuova tradizione: molti chef per il 1° gennaio propongono brunch in location speciali, dall’Hassler al Cavalieri, dall’Open Colonna all’hotel St. George. Con attenzione al palato e alle tasche.