Dramma in cella Un altro detenuto si toglie la vita

È stata una notte di capodanno tragica quella vissuta dentro le carceri italiane: un detenuto si è infatti suicidato a Torino; un altro ha tentato di togliersi la vita nel carcere di Vigevano mentre un terzo uomo è morto nel penitenziario di Trani. Al carcere delle Vallette di Torino un romeno 37 anni, in attesa di giudizio, si è suicidato impiccandosi nella sua cella con delle lenzuola poco prima della mezzanotte. Il segretario generale della Uil penitenziari Eugenio Sarno ha inoltre riferito che nel carcere di Vigevano, in provincia di Pavia, un detenuto italiano di 37 anni «ha tentato di impiccarsi con una striscia di stoffa ricavata dalle lenzuola».
Non c’è stato invece nulla da fare per il detenuto morto a Trani, un carcere sovraffollato visto che ci sono 439 reclusi a fronte di 233 posti letto regolamentari. A scoprire il suo corpo ormai senza vita sono stati gli agenti della polizia penitenziaria nel corso di un giro di ispezione. Le condizioni dell’uomo, che aveva 34 anni e che era detenuto per reati contro la persona e il patrimonio, secondo i genitori non erano tali da consentirgli la vita in carcere. Adesso la famiglia chiede che si faccia chiarezza sulle circostanze della morte.