Il dramma dell’astronauta Muore la madre e lui è in orbita

Gli è morta la madre mentre lui guarda la Terra dall’alto, lontano decine di migliaia di chilometri. Senza poter tornare. È il dramma di Paolo Nespoli, in orbita da dicembre a bordo della Stazione spaziale internazione per una missione di sei mesi che si concluderà fra qualche settimana. L’astronauta la cui mamma si è spenta l’altro ieri a 78 anni nella sua casa a Verano Brianza, in provincia di Monza e Brianza, si teneva in contatto con lei, oltre che telefonicamente, tramite una linea messa a disposizione dall’Agenzia spaziale europea, anche attraverso un sistema video, che permetteva un collegamento via modem, installato nella casa della madre dall’Esa. «La madre di Nespoli, in base ad accordo con la Nasa, si collegava ogni 15 giorni via video con il figlio, con l’aiuto dei familiari - ha detto il sindaco Renato Casati-. I collegamenti con la stazione spaziale duravano anche mezz’ora».
Il funerale della madre dell’astronauta si terrà oggi nella chiesa di Verano Brianza alle 15. Sulla possibilità che il suo illustre concittadino possa assistere al funerale in diretta video il sindaco Casati, ha risposto: «Non credo, anche perché non so quanto sia praticabile tecnicamente. Ma avevo pensato, invece, a un collegamento telefonico. Non è ancora stato deciso».