Il dramma di uno scrittore in declino nei gesti di Van Johnson e Liz Taylor

Questo film di Richard Brooks del 1954 tradisce fin dal titolo dal tenore nostalgico la sua ascendenza - più o meno libera - da un racconto di Fitzgerald, Babylon Revisited, ove amore e disamore, fortuna e disincanto mischiano le esistenze precipitose (dall'immediato secondo dopoguerra ai più acquietati anni seguenti) dello scrittore in declino Charles Willis (Van Johnson), della sua fedifraga sposa Helen (Liz Taylor) e dei volubili amici di Parigi e di New York in una sarabanda dall'esito rovinoso. C'è anche molto melodramma nella storia, ma risaltano qui pure notevoli pregi e tante suggestioni grazie alle interpretazioni sapienti della Taylor, di Van Johnson, di una piccola folla di provetti comprimari. E grazie, altresì, ad una bella canzone di Jerome Kern. Un film hollywoodiano vecchio stile che se non tocca l'acme dell'aperta commozione, esprime comunque una plausibile tensione spettacolare.

L’ULTIMA VOLTA CHE VIDI PARIGI - Mondo. 14,99 euro