Dritti alla meta con Novogo

Mark Perna

Dritti fino alla meta. Basta sistemare sul parabrezza la ventosa e agganciare il Novogo V50 per decidere di andare ovunque in Europa, senza dover mai abbassare il finestrino per chiedere la direzione da seguire. Questo navigatore risulta relativamente semplice da utilizzare, specialmente rimanendo nelle funzioni base, ma può diventare più complicato quando si esce dalle modalità tradizionali. Detto in altri termini: impostare una destinazione con luogo e indirizzo è un gioco da ragazzi, scegliere una meta partendo dalla cartografia rischia di essere un’impresa. Lo schermo da 3,5 pollici è un valido supporto alla guida perché la cartografia, molto dettagliata, la si tiene sotto controllo anche solo con un’occhiata. Tutti i parametri e le informazioni di servizio, compreso la velocità rilevata dai satelliti, sono presenti nella schermata principale e questo evita di dover maneggiare il navigatore durante la guida. Per rendere più sicuro il suo utilizzo il Novogo dispone anche di un sistema di comandi vocali. Su strada il V50 appare sufficientemente affidabile, anche se in alcune occasioni ha fornito indicazioni erronee ed è stato necessario ricorrere alla segnaletica stradale. Si comporta meglio in città. Veloce nel ricalcolare la rotta anche quando perde il segnale ha come vera unica nota negativa la dizione della voce guida: sembra di avere in auto una signorina di origine balcanica. Costa 499 euro.