Droga diciottenne e poi la stupra: arrestato a Monza

Il pudore e la paura le strozzavano la gola. Poi ha trovato il coraggio e ha raccontato tutto ai carabinieri. La chiameremo Laura: è la vittima innocente di una violenza sessuale. L’uomo, 34 anni, faccia pulita, un’esistenza tranquilla, celibe, titolare di un’agenzia immobiliare a Paderno Dugnano e residente a Rho. E un chiodo fisso per le sensazioni forti. È finito in una cella a Monza. Aveva studiato uno stratagemma: versava psicotici nella bevanda della vittima e poi si offriva per accompagnarla a casa.
Qualche settimana fa tocca a Laura, 18 anni, impiegata di Cesano Maderno. Vanno a cena in un ristorante a Senago. Nessuno immagina che il professionista si è ficcato in testa di stuprare la diciottenne. Il maniaco aspetta che gli occhi indiscreti guardino altrove e vuota il farmaco nel bicchiere della ragazza. Laura perde la memoria ma resta cosciente anche se non è più in grado di decidere. È a questo punto che il trentaquattrenne avanza la proposta: «Ti accompagno a casa. Fidati».
L’auto parte verso Lentate sul Seveso e si ferma in una strada buia. L’uomo violenta la ragazza. Quindi molla la vittima e fugge. La poveretta col cellulare chiama gli amici. L’accompagnano a casa. Sta male. I genitori decidono di portarla all’ospedale: le analisi del sangue raccontano che ha ingerito quel maledetto psicofarmaco. Iniziano le indagini. Ieri l’arresto. L’aggressore è accusato di violenza sessuale mediante utilizzo di sostanze psicotiche. In casa i militari trovano decine di confezioni vuote del medicinale che «spegne» per qualche ora il cervello.