Droga Il fiuto di Fado incastra due corrieri nordafricani

Cinquantacinque chili di «fumo» per il mercato della capitale. Maxi-sequestro a Civitavecchia: arrestata coppia di corrieri marocchini, ufficialmente in viaggio di piacere nella Città eterna, e sequestrati 110 panetti di hashish. Sarebbe arrivato a giorni nelle piazze della movida romana il mezzo quintale di «nero» della miglior qualità. A scoprirlo, durante un controllo lungo l’autostrada A12 all’altezza di Maccarese, un cane davvero speciale. Il carabiniere scelto Fado, pastore tedesco a pelo lungo dell’unità cinofila di Santa Maria di Galeria, li fiuta alla seconda ispezione nonostante fossero nascosti in un’intercapedine della carrozzeria. La dritta dei carabinieri di Ancona, del resto, era quella giusta: la roba viaggia su un mezzo furgonato con targa iberica. «Si trattava solamente di scoprire dove si nascondeva la droga - spiega il capitano Mauro Izzo, comandante della compagnia di via Antonio Da Sangallo -. Le possibilità erano infinite. Ma quando abbiamo fermato i due turisti abbiamo subito capito che non poteva che essere nella loro auto». Il primo alt durante le operazioni di sbarco sul molo della linea diretta con Barcellona. Ma la Citroen C15 all’apparenza è «pulita». Pochi bagagli accuratamente piazzati nel vano posteriore. Troppo ordinatamente. All’apertura del portellone L.B. e N.M., 35 anni lui, 38 anni lei, cominciano a tremare come foglie. Durante l’ispezione, però, i militari non trovano nulla. Neanche una briciola di hashish, cocaina o altro. Gli elementi per sottoporre a fermo i proprietari del furgone non ci sono quindi i carabinieri decidono di lasciarli andare. La trappola scatta quando la coppia imbocca l’autostrada in direzione Roma. I carabinieri del nucleo operativo dietro. «Abbiamo allertato i colleghi dell’unità cinofila più vicina - continua Izzo - e organizzato un posto di blocco, questa volta con i cani addestrati». Alla vista dei carabinieri all’altezza dell’autogrill Torrimpietra la Citroen è costretta a una brusca frenata. All’apertura dell’abitacolo Fado sembra impazzire. Le zampe anteriori cercano di scavare nel pianale d’acciaio. Quanto basta per portare l’auto in officina. Fiamma ossidrica alla mano, i carabinieri non credono ai loro occhi quando, sotto la moquette e il tappetino antipoggia, scoprono oltre 100 panetti di droga da mezzo chilo.
yuri9206@libero.it