Droga, otto anni al «sarto della Pinetina»

Domenico Brescia, il «sarto della Pinetina», è stato condannato a otto anni di reclusione in rito abbreviato con l’accusa di spaccio di stupefacenti. Lo ha deciso il gup Simone Luerti che ha superato di un anno la richiesta di condanna formulata dal pm Marcello Musso. Brescia, noto per le sue frequentazioni negli ambienti dell’Inter, era accusato di un episodio di spaccio di due chilogrammi di cocaina risalente al settembre 2006. Tra i suoi coimputati, Francesco Castriotta è stato condannato a dieci anni di reclusione (oltre a un anno in continuazione con una precedente condanna), Antonio Mazzilli e Marco Brunetti a sei anni e otto mesi e Massimo Castriotti a quattro anni di reclusione.