Droga, preso Matranga: era nascosto in Spagna

Era un esponente di spicco del traffico di droga negli anni '60. L'ultimo arresto nel 2000. Poi, un anno fa, la fuga in occasione di un permesso. Dopo la latitanza in Spagna Matranga è stato rintracciato e riportato in carcere

Milano - La Questura di Milano mette a segno un altro colpo nella lotta al traffico di droga. Pietro Matranga, 59 anni, boss del commercio di stupefacenti nel nord d'Italia è stato rintracciato ed arrestato in Spagna. La sua latitanza durava da più di un anno.

Il primo arresto Matranga, originario di Palermo ma da decenni operante in Lombardia, negli anni '60 è stato un esponente di spicco del traffico internazionale di droga. Secondo quanto riferisce il sito milanomafia.com, l'ultimo arresto di Matranga risale al 6 ottobre 2000, quando i carabinieri di Ventimiglia lo fermarono mentre si trovava a bordo di un'auto nei pressi di Assago con altre due persone. I tre stavano tornando da un viaggio in Spagna con 6 chili di cocaina.

Non rientrato in carcere Era latitante dall’ottobre 2009, da quando non aveva più fatto ritorno nel carcere di Bollate (Milano) dopo un permesso. Doveva scontare una pena a circa 10 anni. Le tracce di Matranga si erano perse ma gli investigatori sono riusciti ad individuarlo in Spagna dove ieri è stato bloccato. Il fratello Gioachino si trova attualmente in carcere a Lodi dove sta scontando una pena di 22 anni sempre per traffico distupefacenti.