Drogato in crisi di astinenza incendia 9 auto

Un tossicodipendente in crisi di astinenza domenica sera ha incendiato nove auto in sosta nei quartieri residenziali di Albaro e San Fruttuoso, a Genova, ed ha impegnato in una caccia all'uomo una trentina di carabinieri del nucleo radiomobile che alla fine lo hanno arrestato. Si tratta di Arnaldo Lanza, di 38 anni, che, una volta preso, si è scusato per il disagio provocato, giustificandosi con il fatto che era nervoso per aver sospeso la cura disintossicante presso il Sert.
Indossata una tuta mimetica, Lanza ha cominciato poco dopo le 19 il suo giro incendiario. «Armato» di giornali, li appallottolava, li collocava tra le ruote ed i parafanghi delle auto in sosta, scelte a caso, e li incendiava con un accendino. È cominciata così da corso Gastaldi, vicino all'abitazione del tossicodipendente, una sorta di corsa, invece che tra guardie e ladri, tra i vigili del fuoco ed il piromane che si spostava di continuo. L'uomo ha provocato la semidistruzione di 9 auto ed ha tentato di incendiarne un'altra decina.
Nel frattempo sono scesi in campo anche i carabinieri del nucleo radiomobile con una trentina di uomini e svariate pattuglie, anche in borghese, che hanno circondato la zona.
Verso le 22 in via Corridoni un brigadiere è riuscito a scorgere l'incendiario ed a bloccarlo. Il tossicodipendente non ha opposto resistenza e si è lasciato ammanettare docilmente, chiedendo perdono per quanto aveva fatto.