Dubbi teologici tra castighi divini e figli scapestrati

Il 16 marzo 2011 lo storico Roberto De Mattei, su RadioMaria parlò della possibilità teologica della punizione divina quale avvertimento paterno ai figli scapestrati. Subito, per iniziativa dell'Unione atei agnostici e razionalisti (che, si scoprì, seguivano RadioMaria) partì una campagna denigratoria, con tanto di raccolta di firme per cacciare l'incauto dalla vicepresidenza del Cnr, carica che allora ricopriva. Si accodarono esponenti cattolici della «chiesa della misericordia», indignati all'idea stessa che Dio possa «punire». Da qui il libro che spiega e approfondisce.

Rino Cammilleri