Ducati e Stoner padroni Valentino dove sei finito?

L'australiano imprendibile per tutti. Quarta pole consecutiva, limando più di sette decimi al miglior tempo dello scorso anno. Si conferma alle sue spalle il leader del mondiale Pedrosa (Honda). Rossi arranca in terza fila

Sachsenring - Il binomio rosso è tornato. Se serviva un'ulteriore conferma eccola. Apparecchiata alla vigilia del MotoGp di Germania dal demonio australiano Casey Stoner sulla Ducati, la diavolessa di Borgo Panigale. Le prove ufficiali del Sachsenring sono la fotocopia di quelle delle ultime quattro gare. Stoner davanti a tutti dal primo all'ultimo minuto: quarta pole position consecutiva. La nuova elettronica della Ducati, testata, messa a punto e montata in tutta fretta dopo le difficoltà di inizio campionato, sta sbaragliando la concorrenza. La differenza sta tutta nel traction control (il controllo di trazione) che consente all'australiano di non chiudere mai il gas, nemmeno nelle curve più delicate.

Mondiale riaperto Gli avversari dell'australiano sono preoccupatissimi. Guardare le espressioni scure e corrucciate di Pedrosa e Rossi per credere. Sperano nella pioggia, domani, per poter fare gara pari con Stoner. Altrimenti il copione sembra già scritto: lui che parte fortissimo e loro a spartirsi il resto, le briciole. E adesso il campione del mondo in carica torna a far paura anche in ottica campionato. Dopo qualche pasticcio iniziale Stoner ha 29 punti di ritardo dallo spagnolo capoclassifica e 25 da Valentino. E domenica prossima si corre già a Laguna Seca prima della pausa estiva: l'australiano rischia di arrivare sotto l'ombrello incollato ai due davanti.

Valentino in crisi Rossi è in difficoltà. Dopo la partenza sprint in campionato e la vetta in classifica è arrivata qualche sbavatura di troppo (come nel secondo giro lanciato delle prove di oggi). Il pesarese sa che gli manca qualcosa per stare al passo con Stoner: deve pescare qualche trucco dei suoi per pareggiare lo strapotere Ducati, ma non sempre gli riesce. Qualche volta va storta pure al Dottore. Tipo nelle prove del Sachsenring: settimo tempo e tanti grattacapi per la gara di domani.

La griglia Il tempo della pole position ha del fantascientifico: 1’21"067. Un crono che migliora di 748 millesimi la pole del 2007. In griglia staccato di 353 millesimi il leader del mondiale, lo spagnolo Daniel Pedrosa (Honda). Terzo il texano della Yamaha Colin Edwards (a 452 millesimi). Apre la seconda fila l’italiano Andrea Dovizioso (Honda), davanti al Jorge Lorenzo (Yamaha). Solo settima posizione in griglia per Valentino Rossi, staccato da Stoner di 778 millesimi.