Ducati Hypermotard nel segno della potenza

La guida agile è istintiva e sicura in ogni condizione

da Alghero

La Ducati è tornata a guadagnare. È il risultato di una politica che ha i suoi capisaldi nello sviluppo di progetti di grande raffinatezza concettuale, stilistica ed ingegneristica.
Il nuovo corso è stato aperto dal modello Superbike 1098 ed è ora ribadito dall’Hypermotard 1100, concepita e disegnata da Pierre Terblanche. La 1100 è ispirata alle moto della nuova specialità «supermoto» e, come queste, mischia un telaio da velocità con un assetto da motocross. Alla Ducati hanno calibrato bene le due componenti, senza eccedere, realizzando una moto molto equilibrata, con sospensioni a escursione ampia, ma non esagerata, da cui deriva un’altezza della sella ben accessibile (840 mm), che consente una guida agile, istintiva e sicura a bassa velocità, e che tale rimane anche nell’andatura veloce poiché il telaio è derivato da quello delle superbike Ducati della precedente generazione. Il tutto è potenziato dal bicilindrico Ducati Sohc nella tradizionale esecuzione con raffreddamento aria-olio e che, nella cilindrata di 1100 cc, eroga 90 cv, con una coppia cavernosa già da 2.500 giri. Un’esecuzione di alta qualità ha contenuto il peso in soli 178 kg sull’Hypermotard 1100 e 176 kg sulla 1100S, che impiega ruote Brembo in alluminio forgiato, anziché fuso. Una menzione speciale va alle nuove forcelle Marzocchi Usd50, prodotto che riporta la casa italiana alla sommità della tecnologia di settore. Sono le migliori sospensioni anteriori che abbiamo avuto modo di testare: solide e precise, scorrevoli e fluide in compressione e rilascio, e soprattutto con possibilità di regolazioni micrometriche rapide e precise. Il risultato è un avantreno nitido e sensibile. Abbiamo provato l’Hypermotard 1100 sulle strade dell’entroterra di Alghero e la 1100S sul vicino circuito di Mores. Su strada, ad andatura media, la 1100 è più facile e istintiva di un ciclomotore. Su strada aperta tira fuori tutta la grinta che ci si aspetta, grazie anche alla ciclistica perfetta. Prezioso l’apporto dei Pirelli Diablo Corsa III. I prezzi: 11.500 la Hypermotard 1100 e 13.500 la 1100S.