Due anni di carcere ma non era scafista

Un incubo durato 26 mesi per un tunisino arrestato il 18 agosto 2003 con l'accusa di essere scafista. Dopo due anni di carcere ad Agrigento ha dimostrato di essere vittima di un grave errore giudiziario, ma nel frattempo la sua barca è stata demolita. È riuscito a venirne fuori grazie alla determinazione di un legale che lo ha difeso gratuitamente. Una serie di circostanze, compresa una traduzione non proprio perfetta di una intercettazione ambientale eseguita nella cella in cui si trovavano gli altri due marinai presenti sulla barca, e che lo avevano legato, lo aveva incastrato.