Due cadaveri nel bosco Trovato il coltello usato per uccidere

Era in possesso di regolare permesso di soggiorno e risiedeva a Carugate (Milano) la donna albanese di 24 anni trovata sgozzata assieme a un connazionale nella serata di mercoledì nei boschi del colle della Maresana, a pochi chilometri da Bergamo. L'uomo, di 25 anni, era clandestino ma non aveva precedenti penali, se si escludono i fermi da parte delle forze dell'ordine legati proprio alla sua condizione di clandestinità. Nell'appartamento della donna sono proseguiti per tutta la mattina gli accertamenti e le perquisizioni dei carabinieri. Controlli sono stati effettuati anche sul luogo del ritrovamento dei due cadaveri dove, nella notte, era stato rinvenuto pure un coltello da cucina spezzato e sporco di sangue. Proprio al fine di compiere indagini più mirate, in giornata sono attesi alla Maresana anche gli uomini del Ris di Parma. L'obiettivo, tra l'altro, è quello di stabilire se l'uomo e la donna trovati morti sul fogliame del bosco siano stati uccisi sul posto o altrove e poi trasportati lì. Le piste privilegiate, al momento, sono quelle del delitto passionale o di un regolamento di conti.