Due case d’appuntamento con cinque trans brasiliani

Cinque transessuali brasiliani clandestini sono stati bloccati e identificati dagli agenti del commissariato San Giovanni durante una attività di prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Personale della squadra di polizia giudiziaria del commissariato ha fatto irruzione in due mini appartamenti di circa 30 metri quadri allestiti nel sottoscala di un palazzo di via Gaspare Finali, all’Appio, dove era stata notata la presenza di cittadini di origine sudamericana, che si prostituivano. Sono stati gli stessi abitanti del palazzo e delle abitazioni vicine a segnalare agli agenti del commissariato un anomalo via vai di uomini diretti nel sottoscala, in tutte le ore del giorno e della notte; nelle denunce alcuni abitanti avevano segnalato frequenti episodi di liti e percosse tra i clienti e i trans a causa di presunti tentativi di furto durante le prestazioni. Al momento dell’intervento della polizia, all’interno degli appartamenti sono stati rintracciati i 5 stranieri in abiti succinti. I trans sono stati accompagnati all’Ufficio Immigrazione per il fotosegnalamento e l’identificazione. Al termine degli accertamenti due stranieri sono stati muniti di decreto di espulsione con contestuale ordine a lasciare il territorio nazionale, 2 sono stati rilasciati e uno è rimasto in attesa di essere collocato nel centro di permanenza e accoglienza per stranieri. Dalle indagini è emerso che i 5 la notte si prostituiscono anche sulla Colombo. Sono in corso indagini per identificare i proprietari degli appartamenti utilizzati come luogo di appuntamenti, che rischiano una denuncia.