Due ghisa feriti dagli abusivi

Il blitz della Polizia Municipale tra l'Alzaia Naviglio Grande e il Vicolo Lavandai è scattato in serata. In questi casi più o meno la scena è sempre la stessa: i venditori abusivi se la danno a gambe lasciando sul posto la loro mercanzia. E così è stato almeno all’inizio ma non è finita lì. Così mentre agenti in borghese stavano procedendo alle operazioni di sequestro sono stati violentemente aggrediti da una sessantina di 60 senegalesi tornati sul posto per recuperare le loro cose. La rissa ha portato al ferimento di due due ghisa, dimessi dopo le cure mediche, con una prognosi di 8 e 15 giorni. «L'importante intervento - commenta il vice Sindaco Riccardo De Corato ha portato al sequestro di una quantità ingente di merce: 29 sequestri penali e 24 sequestri amministrativi. Spesso accade che gli agenti intervengano mettendo a repentaglio anche la loro incolumità fisica, proprio come è accaduto ai vigili feriti in questa operazione». «Esprimo tutta la mia solidarietà agli agenti - prosegue il vice Sindaco - che coraggiosamente hanno svolto il loro lavoro e hanno affrontato la pericolosa situazione anche se erano in abiti civili. Cosa questa che non ha permesso loro di utilizzare lo sfollagente, che certamente avrebbe dato una maggiore possibilità di difesa. A testimonianza della mia vicinanza in questo delicato momento, ho inviato agli agenti feriti un telegramma». Sulla questione interviene anche il Siapol (Sindacato Autonomo Polizia Locale) che sollecita il Comando della Polizia Locale di Milano ad un ripensamento delle modalità d’intervento, visto che la frequenza di simili episodi è in preoccupante aumento. «Forse è il momento di interrogarsi sulla reale consistenza delle forze in campo - avverte il Siapol - e verificare ed adeguare le precauzioni minime da adottare negli interventi di servizio ritenuti più rischiosi quali la repressione del commercio abusivo».