Due islamisti pronti al martirio. Erano legati ad Anis Amri, il killer di Berlino

I due immigrati, Nkanga Lutumba e Amri Soufiane, facevano parte di una cellula salafita legata allo Stato islamico. Ed erano in contatto con Anis Amri

Erano già pronti a passare all'attacco, fino al maritirio. Un'azione terroristica contro i micredenti occidentali in nome dello Stato islamico. Un'operazione antiterrorismo, denominata "Transito silente", condotta dalla Digos di Brindisi, sotto la direzione della Dda di Lecce e della Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, li ha fermati prima che i due immigrati, un congolese e un marocchino, potessero colpire. I due erano legati al tunisino Anis Amri, autore della strage al mercatino di Berlino lo scorso 19 dicembre e morto durante unop scontro a fuoco al stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni, cittadina alle porte di Milano.

L'operazione ha portato all'arresto, con l'accusa di "associazione con finalità di terrorismo", di Nkanga Lutumba, un cittadino congolese ventisettenne residente in Germania ma che in passato era transitato dal Centro di permanenza per rifugiati di Restinco, in provincia di Brindisi. Per gli inquirenti fa parte di una cellula salafita che opera a Berlino. La Digos ha, infatti, potuto accertare la totale adesione all'ideologia dello Stato islamico. Insieme a Nkanga Lutumba è stato arrestato anche un altro membro della cellula di Berlino. Si tratta del 22enne marocchino Amri Soufiane, espulso dal territorio italiano. Quest'ultimo, peraltro, è risultato essere in contatto con Anis Amri.

Dopo essersi radicalizzati, Nkanga Lutumba e Amri Soufiane (guarda la gallery) erano già arrivatio a concepire "atti violenti, anche con il sacrificio personale, in diversi scenari operativi". Le indagini, sviluppate con il coordinamento del Servizio centrale antiterrorismo della Dcpp/Ucigos e il supporto del Servizio cooperazione internazionale di polizia, che ha in particolare assicurato il raccordo con le autorità tedesche, hanno consentito di individuare e neutralizzare la cellula salafita composta da ben undici musulmani radicalizzati (guarda il video).

Commenti
Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 28/04/2017 - 08:32

Scusate, qual è la differenza tra Islamisti e Islamici? Sono i fratelli Islamici che sbagliano? Come si fa a riconoscere sul barcone un Islamista da un Islamico? Ah capisco, sono tutti bravi Islamici da mantenere quelli che sbarcano, gli Islamisti sono i famosi "casi isolati". Grazie.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 28/04/2017 - 10:45

so ragazzi, dovevate lasciarli sfogare,poverini...adesso gli verrà il complesso d'inferiorità nei confronti di quelli che sono nel paradiso di allah con le sempre-vergini

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 28/04/2017 - 10:56

tutti i musulmani sono e non possono che essere radicalizzati, gli altri magari pregano in arabo ma non sono musulmani, anzi sono considerati peggio degli infedeli

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 28/04/2017 - 10:59

Anvedi come sono degli agnelli sti "compari di merende".

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 28/04/2017 - 11:28

----Raperonzolo Giallo---come si fa a riconoscere un cattolico buono da uno cattivo?---quei cattolici che salgono su un aereo -sorvolano un paese straniero e lanciano bombe a gogò facendo stragi sono cattolici buoni o cattivi?---swag

Renee59

Ven, 28/04/2017 - 11:44

che bello, passare le giornate alla ricerca dei jihadisti, almeno si ha qualcosa da fare.

Ritratto di frank60

frank60

Ven, 28/04/2017 - 11:47

Grandi utili,indispensabili risorse per noi!

ziobeppe1951

Ven, 28/04/2017 - 12:36

elkid ..non è il pilota dell'aereo (cattolico, luterano, musulmano..)che sgancia le bombe..sono i Governi (ad es il Marocco)di cui ampiamente i tuoi amici ne fanno parte..e ne hanno fatto parte..è come dire ad un lavoratore della CACI Iternational che è uno sporco assassino..Asta

tosco1

Ven, 28/04/2017 - 13:49

Se ci fosse giustizia, sarebbe nostro dovere consentire ai jiadisti presi , la conclusione del progetto di martirio.Un giubbotto esplosivo per tutti, e mandarli a correre in uno stadio in attesa del... boom!!. Questa sarebbe la giustizia prevista dalla Bibbia.La nostra è una farsa.

AndyCorelli

Ven, 28/04/2017 - 14:58

Questi vanno e vengono come meglio gli pare...poi qualche ixxxxxxxe dice che le frontiere non servono...