Due Ligurie: la Casa vince fino a Loano, poi crolla

L’estremo ponente ligure resta saldamente nelle mani della Casa delle Libertà, mentre a Savona, Cogoleto e Bogliasco sventola la bandiera dell’Unione. È questo, in sintesi, il risultato delle elezioni ammnistrative in terra ligure dove 41 Comuni hanno rinnovato il proprio vertice.
Nel dettaglio, l’area imperiese, feudo incontrastato di Claudio Scajola, ha mantenuto la sua fedeltà al centrodestra confermando l’azzurro Gianni Giuliano alla presidenza della Provincia. Ma bene è andata anche ad Alassio dove Marco Melgrati, sindaco uscente della Cdl, è stato riconfermato. E lo stesso è accaduto ad Angelo Vaccarezza, anche lui noto rappresentante della Cdl e sindaco uscente di Loano, premiato dai suoi concittadini.
Per il centrodestra le note dolenti cominciano a Savona, unica città capoluogo a rinnovare l’amministrazione civica, dove Federico Berruti, dell’Unione, si è aggiudicato la vittoria già al primo turno.
Per quanto riguarda invece il territorio genovese, Cogoleto ha conservato la poltrona al sindaco di sinistra Attilio Zanetti.
Un ribaltone viene registrato a Bogliasco, fino a ieri «regno» del sindaco Pietro Canepa di Forza Italia, che vede la netta vittoria dello sfidante Luca Pastorino dell’Unione sul candidato azzurro Adelio Peruzzi, già sindaco e vicesindaco.
E comunque gli esiti elettorali pare che manifestino un avanzamento dell’Unione rispetto alla Casa delle Libertà. Nelle pagine interne pubblichiamo tutti i risultati delle quattro province liguri e dei 13 Comuni del Basso Piemonte interessati a queste amministrative.