Due organi in concerto Il Messia di Händel

Riparte domani la rassegna «Due organi in concerto, musica poetica» giunta all’ottava edizione. Il concerto inaugurale si terrà domani sera alle ore 20.30, nella Basilica di Santa Maria della Passione, via Conservatorio 16. Per l’occasione tornerà il Westminster Cathedral Choir, dopo lo straordinario successo della sua prima apparizione a Milano nel 2005 proprio alla Basilica di Santa Maria della Passione, questa volta - con la partecipazione del soprano Carolyn Sampson e della Westminster Cathedral Baroque Orchestra, sotto la direzione di Martin Baker - per l’esecuzione di uno dei capolavori assoluti della musica sacra, l’oratorio Messiah HWV 56 di G. F. Händel. Attraverso il magistrale racconto della venuta, predicazione, morte e risurrezione del Messia, il concerto si inserisce perfettamente nel tempo liturgico della Quaresima, facendo da contraltare sonoro ai cicli pittorici della Basilica. Tra le opere sacre di Händel il Messiah appare immediatamente come una composizione singolare: il libretto, interamente ricavato dai versetti biblici, si scosta notevolmente dagli altri suoi oratori e la natura meditativa della Historia è assai lontana dall’oratorio drammatico che Händel prediligeva.