Due soli «campioni»: Intesa e Sanpaolo

Eccola la vera classifica delle banche. È quella che l’ufficio studi di Mediobanca ha stilato sulla base del cosiddetto freecapital, cioè del capitale realmente a disposizione. Il che, in tempi di «risiko», non è cosa poco rilevante. La gara la vincono Intesa e Sanpaoloimi: sono queste due le uniche banche a vantare oltre 4,5 miliardi a disposizione. Le uniche due realmente attrezzate per il risiko, dunque. Il free capital è infatti dato dalla differenza che risulta sottraendo dal capitale netto le immobilizzazioni, i crediti deteriorati le attività fiscali anticipate. Fatto questo calcolo, Unicredit (dopo la fusione con Hvb) si ritrova pesantemente in «rosso», per oltre 8,6 miliardi. Ma avrà tempo per ammortizzarli. Segno «meno», però, anche per Mps (meno 2,2 miliardi) e Capitalia (meno 4 miliardi), che scontano un rapporto ancora elevato tra crediti deteriorati e capitale netto, entrambi superiori al 60 per cento. Il free capital netto è positivo anche per la Popolare di Verona-Novara e per la Bpu. Per il resto il 2005 si è confermato ancora un anno positivo per i conti delle banche italiane, con i profitti balzati di oltre il 50%, ricavi in crescita e costi in flessione.