Due supersportivi in tiratura limitata

La collezione Scuderia del Cavallino e un orologio dedicato ai piloti dell’aria

Giampiero Negretti

Giorgio Scaglia

Design, tecnologia ed esclusività, il tutto made in Italy. Ecco cosa accomuna la Ferrari alle Officine Panerai. La prima non ha bisogno di presentazioni essendo la marca automobilista probabilmente più famosa al mondo; la seconda azienda è invece celebre nel settore orologi, avendo creato, già nel 1938, i primi modelli subacquei professionali della storia. Nasce da questo connubio l'orologio Ferrari, progettato e realizzato dalle Officine Panerai. La gamma comprende due collezioni, Granturismo e Scuderia, diverse per impostazione di quadrante e con vari modelli. Quello illustrato è un rattrapante (o sdoppiante), il più tecnico e complesso tra i cronografi, e appartiene alla linea Scuderia, come evidenziato dallo scudetto giallo, simbolo della squadra corse del Cavallino.
La cassa, realizzata in acciaio lucido con i profili satinati, misura 45 mm. di diametro e ha il fondello, serrato a vite, con un oblò in vetro zaffiro decorato, come richiamo al mondo dei motori, da una griglia metallica. Anche la corona è a vite, ma con serraggio a baionetta, in modo che, una volta avvitata, il cavallino resti sempre verticale. Sul quadrante, i tre contatori sono disegnati come gli strumenti di bordo e sono evidenziati da una mascherina in titanio, mentre le lancette sono traforate per non ostacolare la lettura dei contatori stessi e la scala tachimetrica è riportata sul bordo rialzato. Di colore differente le due lancette cronografiche per non ingenerare confusioni. Impermeabile fino a 100 metri, lo Scuderia Rattrapante adotta un movimento a carica automatica, con 31 rubini, 28.800 alternanze orarie e doppia ruota a colonne per lo smistamento della funzione cronografica. Decorato a onde di Ginevra e con il Cavallino inciso sul rotore di carica, l'orologio ha il certificato di cronometro e viene fornito con due cinturini (uno in cuoio nero e uno in caucciù) con fibbia regolabile. Supersportivo e dal design indovinato, l'orologio verrà realizzato quest'anno in 500 esemplari millesimati al prezzo di 9.200 euro.
Anche l'Airman Double 24 è un orologio che non passa inosservato. Già la sua cassa da 46 millimetri suscita un certo rispetto e se a questo aggiungiamo che l'ultimo nato di casa Glycine è proposto in serie limitata di 300 pezzi, il quadro è davvero completo. Sportivo per eccellenza,con tre fusi orari, pronto all’avventura ma anche al lavoro di tutti i giorni, il nuovo Glycine si segnala per il suo movimento a carica automatica e la sua impermeabilità di 200 metri che ne confermano la vocazione allo sport senza limiti. L'Airman viene proposto con quadrante nero o argenté, corona a vite con doppio o-ring e con un cinturino che può essere in pelle o in caucciù naturale. Per chi non teme l’avventura è previsto un fondello in vetro zaffiro e chiusura a vite, per non temere nulla. Il prezzo è di 1.660 euro.