Duecento corsi per riempire il tempo libero

La tradizionale guida ora è online sempre aggiornata e piena di sconti

Appassionati di psicoterapia, patiti di balli africani, certosini artigiani Raku. Quest’anno a Milano il tempo libero diventa ricco con oltre 200 proposte diverse. Tutte raccolte da Actl, l’associazione per la cultura e il tempo libero, che da ieri ha scelto un’altra via. Non più un volume con tutti i corsi e le opportunità per il tempo libero e la formazione professionale, ma un portale internet: www.milanoincorsi.it. Una guida online, sempre aggiornata, per orientarsi nel panorama delle possibilità milanesi. Il sito è suddiviso in due ampie sezioni: una dedicata al tempo libero, l’altra alla formazione professionale per distinguere il tipo di offerta. Trovare l’opportunità giusta è un’operazione semplificata dal motore di ricerca di www.milanoincorsi.it. Articolato su due livelli: rapido, scegliendo l’argomento di interesse, la zona della città, l’età dell’utente (i corsi sono differenziati tra quelli per bambini e quelli per adulti). Oppure avanzato, in cui grazie a una parola chiave il portale offre differenti proposte. Il data base comprende informazioni di ogni tipo. L’ente organizzatore, la zona di appartenenza, il titolo del corso, il periodo di apertura delle iscrizioni, la durata delle lezioni e il costo. Tramite il sito, poi, com’era negli anni passati grazie alla guida di Actl, è possibile usufruire di sconti (dal 3 al 10 per cento) su tutte le proposte pubblicate. Uno dei vantaggi dello strumento internet è il continuo aggiornamento dell’offerta (opzione che con la guida stampata non era possibile).
Gli esperti di Actl che hanno curato la realizzazione del nuovo portale segnalano per questa stagione molte novità e parecchie curiosità nel campo dei corsi per il tempo libero. La moda sembra essere legata alla psicologia. Con lezioni di «Fiaba terapia» oppure psicologia della scrittura e perizie grafiche a base psicologica. Di grande attualità anche i laboratori di teatro con molti milanesi che riscoprono le marionette, mentre altri preferiscono utilizzare la scena come un mezzo per lo sviluppo della personalità: ecco quindi le lezioni di teatro dell’improvvisazione e corsi di spontaneità. Non perde posti neppure la danza con la nuova tendenza che indica in tutto ciò che è etnico un motivo di interesse. Ci sono corsi di balli africani, ma anche irlandesi, bretoni e scozzesi. E spuntano pure lezioni di danza del ventre per signore.