Duemila precari da stabilizzare a costo zero

Ancora in primo piano i precari della sanità regionale. Ieri Domenico Gramazio, vicepresidente vicario della Commissione Sanità del Senato, ha annunciato di aver inviato una lettera aperta al professor Elio Guzzanti, commissario straordinario ad acta del Governo per la spesa sanitaria nella Regione Lazio. Nella missiva il parlamentare del PdL richiama l’attenzione del professor Guzzanti sul problema della stabilizzazione dei duemila precari che operano nella sanità del Lazio, accordo che è già stato controfirmato tra la Regione Lazio e i sindacati di categoria.
Il senatore Gramazio ricorda che «la regolamentazione del personale, attualmente in servizio a tempo determinato o co.co.co., garantirebbe il funzionamento delle strutture sanitarie, dal momento che questi lavoratori sono già tutti inseriti nel Servizio Sanitario Regionale» e quindi «il loro passaggio e la loro stabilizzazione con contratti a tempo indeterminato non comporterebbe un ulteriore aggravio di spesa per la Regione Lazio».
Gramazio aggiunge che il superamento del precariato «garantirebbe una tranquillità operativa all’interno delle strutture sanitarie in cui operano questi lavoratori».
«È vero - conclude il senatore - che la Regione Lazio non ha attuato il piano di rientro precedentemente concordato, ma ciò non deve creare dell’ulteriore conflittualità all’interno del mondo del lavoro e delle professioni sanitarie. In futuro occorrerà avere maggiore coraggio e flessibilità nell’interpretazione delle leggi e dei regolamenti. Tutto ciò, ne sono certo, andrà a beneficio del nostro sistema sanitario regionale».