Dure accuse a Olmert per la guerra in Libano

Tel Aviv. Dure accuse nei confronti del premier israeliano, Ehud Olmert, vengono mosse nel rapporto sulla guerra in Libano redatto dalla commissione ufficiale d’inchiesta del giudice Eliahu Winograd. Lo afferma la televisione commerciale israeliana «Canale 10», che afferma di essere entrato in possesso di anticipazioni. Ad Olmert tuttavia la commissione non chiede esplicitamente che rassegni le dimissioni. Secondo l’emittente, i membri della Commissione affermano che Olmert, nelle prime fasi della guerra, ha agito in maniera «affrettata, senza ponderare in maniera adeguata opzioni diverse». Olmert, aggiunge la tv, «non ha diretto la guerra, ma si è lasciato trascinare». In particolare la commissione Winograd, secondo la tv, rimprovera Olmert per «non avere chiesto all’esercito di sottoporgli opzioni diverse», non ha saputo prevedere le mosse successive, «guardare all’orizzonte». Criticato anche il ministro della Difesa Amir Peretz.