Dvd - E venne il giorno di Night Shyamalan

Oltre al ritorno del regista de <em>Il sesto senso</em> da segnalare il nuovo Abel Ferrara, la parodia <em>Superhero</em> e l’uscita del gioiellino made in Italy <em>Non Pensarci</em><br />

E VENNE IL GIORNO. Ogni film di M. Night Shyamalan non risulta mai banale anche se i livelli de Il sesto senso non li ha più raggiunti. La dimostrazione l’abbiamo con E venne il giorno, distribuito da 20th Century Fox, ambientato a New York dove, una mattina, la vita della gente viene improvvisamente sconvolta costringendo molti a suicidarsi. Temendo un attacco terroristico la via migliore di salvezza appare la campagna; tra questi, troviamo, in fuga, anche Elliot e Alma, alla ricerca non solo di sopravvivenza ma anche di risposte. Dal punto di vista qualitativo ci aspettavamo di più dalla resa video, spesso confusa e poco dettagliata che fa storcere più di una volta la bocca all’utente esperto. Anche la parte audio non eccelle (a meno che non vediate il film in inglese). Ci si riscatta negli extra anche se logicamente inferiori rispetto a quello che potreste trovare nella edizione Blu-ray. In ogni caso, potrete spaziare tra le scene eliminate con introduzione del regista indiano le gag sul set e su altre cinque featurette (Il difficile taglio, Vi ho sentito bisbigliare, Lo stile registico, Elementi di una scena, Forze invisibili) con le quali Shyamalan approfondisce alcuni aspetti della lavorazione offrendo uno spaccato del suo modo di fare cinema. Guarda una scena del film.

GO GO TALES L’ultimo film di Abel Ferrara (Mediafilm) è ambientato in un night club di Manhattan dove lavora un gruppo di spogliarelliste al soldo di Ray Ruby. Così, almeno, dovrebbe essere perché della serie “bambole non c’è una lira” le donna continuano a vivere, giorno dopo giorno,delle promesse di essere saldate entro sera. Ruby, assediato anche dalla proprietaria dello stabile, si gioca un’ultima carta: vincere alla lotteria. Il sogno si avvera ma il biglietto che fine ha fatto? Tra un numero e l’altro potrete rivedere anche la famosa scena del bacio fuori copione di Asia Argento ad un rottweiler. Gli extra sono praticamente inesistenti a parte una featurette che raggruppa, senza farvi sorbire tutto il film, gli spogliarelli delle ragazze.

SUPERHERO Nel solco delle parodie e dei film demenziali si colloca anche questa pellicola, distribuita da Medusa, Protagonista della pellicola è tal Rick Riker che fa il verso al personaggio di Peter Parker; viene infatti punto, durante una gita scolastica, da una libellula geneticamente modificata trasformandosi in un supereroe. Come il collega Peter, anche per Rick non sarà facile gestire i propri poteri. Il genere non sembra soffrire di crisi anche se di idee innovative e di vera comicità se ne vede sempre meno. A colpire, in questo Dvd, è la qualità video decisamente superiore che regala effetti cromatici praticamente perfetti. Anche le scene buie sono ben curate così come l’audio italiano che non registra grandi differenze con l’originale inglese. Molto buona è anche la sezione extra (sottotitolata) che presenta, oltre alle scene eliminate e ad un finale alternativo, alcune featurette come Il cast di Superhero (dedicato agli attori) e L’arte della parodia (la più interessante perché tratta di come si prendono in giro le pellicole serie) .

NON PENSARCI Se avete perso uno dei film italiani più interessanti dell’ultima stagione non disperate perché grazie a 01 Distribution avrete ora la possibilità di recuperarlo. Protagonista è un sempre più convincente Valerio Mastrandrea qui nei panni di un chitarrista che non ha sfondato. Torna a Rimini, per trovare la sua famiglia e, in particolare, i fratelli. Che non se la passano proprio bene perchè Alberto, il fratello, sta per divorziare e ha l’azienda praticamente sull’orlo del fallimento mentre la sorella Michela ha preferito il lavoro in un parco acquatico piuttosto che studiare all’università. Come sempre succede, l’aiuto reciproco sarà la molla per superare le difficoltà. Peccato che il video risenta molto nei primi piani; molto meglio l’audio. Tra gli extra, segnaliamo quattro scene tagliate e un making of decisamente ben realizzato.